Questo sito usa esclusivamente cookies di tipo tecnico. Nessun dato relativo alla vostra navigazione viene registrato.

stop view Info
/
      preview
      Album
      Titolo
      Data
      Dimensioni
      Nome file
      Dimensioni file
      Fotocamera
      Distanza focale
      Esposizione
      Numero F
      ISO
      Marca della fotocamera
      Flash
      Visualizzazioni
      Commenti
      ozio_gallery_fuerte

      E' proprio bello che gli organizzatori delle Fiere dell'Elettronica nella nostra regione abbiamo una così spiccata sensibilità nei confronti della "cosa ludica": lo spazio che ci rendono disponibile per i nostri tornei è davvero fantastico e noi ne approfittiamo sempre volentieri.

      Sedici giocatori si sono dati battaglia in quella che sembra delinearsi come la struttura ottimale dei tornei: sei turni di gioco per una durata di circa tre ore. Se avessimo iniziato in orario invece di aspettare quelli che se ne vanno a spasso probabilmente ci sarebbe stato un giro di visita alla Fiera per tutti.

      Ma veniamo alla cronaca dell'appassionante torneo, che ha visto prevalere il campione italiano in carica, Fabrizio Catozzi, ovviamente desideroso di riscattare l'insufficiente performance della "Sagra dell'Ortica".

      Antonella, Carlo, Fabrizio e Marco, i quattro giocatori più quotati, fanno da teste di serie. Non si incontreranno se non nell'ultimo turno, sempre che qualche outsider non faccia delle sorprese improvvise.

      E ci sono stati ben sei giocatori alla prima esperienza: Nicola e Francesco (che hanno già fatto qualche torneo, ma per loro è il primo della "nuova gestione"), poi Marco e (la figlia) Chiara, che da qualche tempo frequentano con interesse gli incontri del "Mercoledì Ldico" e infine i giovanissimi fratelli Alessandro e Lorenzo, che abbiamo conosciuto qualche mese fa durante il "FE Comics & Games" e che hanno accettato con entusiasmo l'idea di partecipare al loro primo torneo.

      Com'era gia successo al precedente torneo di Malalbergo, alcune partite del primo turno finiscono in pochi minuti: attenzione, gente. Vege tables è diventato un gioco in cui non è assolutamente possibile buttare le carte con leggerezza.  Un giocatore esperto, indipendentemente dalle carte che ha ricevuto, è in grado di vincere la partita in un attimo se gli avversari non fanno nulla per contrastarlo.

      Ma dal secondo turno la musica cambia e tutti si allineano a un atteggiamento più prudente e meditato. Bene, state cominciando a capire.

      Dopo i primi tre turni il torneo si mostra alquanto equilibrato. Il passo falso di Fabrizio al primo turno viene ampiamente compensato dalle vittorie nelle successive due partite, molto buona la partenza di Antonella e, con due secondi posti e una vittoria, anche Federico "Bigo" si tiene su una buona media. Un po' penalizzante per Marco Ardizzoni lo zero al secondo turno, ma con due vittorie nelle altre portite, anche lui ha, di fatto, iniziato il torneo molto bene.

      I giocatori alla prima esperienza si alternano tra alti e bassi, ed è la tassa da pagare per chiunque si avvicini al suo primo torneo, ma mi capita di assistere anche a scelte di gioco davvero poco sagge... bisogna proprio che in uno dei prossimi mercoledì mi metta a fianco di qualcuno per fare "un po' di scuola"...

      Al quarto turno Federico è l'unico a mantenere una media da primato. Vincendo questa partita si porta in testa alla classifica, da solo e con ben due punti e mezzo di vantaggio su Antonella.

      VIsto che al quinto turno si trovano al tavolo insieme, una vittoria di Bigo comporterebbe l'aggiudicazione del torneo con un turno di anticipo. Ma conoscendo la facilità con cui tende a emozionarsi in situazioni di questo tipo, ho preferito rimandare la notizia.

      Ma Antonella non rompe solo le Picche (e questa non la capiranno tutti, ma non importa): è una giocatrice con un'ottima visione di gioco e rientra senz'altro nel gruppo di chi, avendo buone carte, le sa sfruttare al meglio (quando perfezionerà la memorizzazione delle carte raccolte dagli avversari, allora sarà davvero dura batterla). Federico deve accontentarsi di dividere il 3°/4° posto, ma ciò gli garantisce comunque la presenza al "Tavolo 1" nel sesto turno: c'è ancora spazio per combattere per il primo posto.

      Tavolo a cui siedono anche Fabrizio, che ha infilato la terza vittoria, e Carlo, che approfitta dell'inopportuno stop a di Marco e Michele, infilandosi, in atteso, tra i candidati alla vittoria finale.

      Ma al sesto turno Fabrizio non lascia scampo ai pur agguerriti avversari, porta a casa la quarta vittoria e si aggiudica, meritatamente, il torneo, raggiungendo Silvia e Chiara tra i finalisti per il Master 2016.

      Arriva a premio anche Michele, che vince al tavolo due e raggiunge un terzo posto di tutta soddisfazione.

      Un po' di rammarico per il giovanissimo Luca, che sta dimostrando una eccellente predisposizione al gioco di Vege tables 2.0 e che avrebbe meritato un riconoscimento più consistente dell'ottavo posto finale.

      Una citazione d'obbligo anche per l'amica Chiara Gennaro, che dopo un solo "Mercoledì Ludico" di allenamento ha portato a casa un eccellente settimo posto: siamo sicuri che migliorerà molto presto.

      Complimenti quindi al campione Fabrizio e appuntamento per tutti all'importantissimo impegno di domenica 8 novembre alla "Grande Fiera Campionaria" di Ferrara, dove speriamo di superare ancora una volta il record di presenze. Adesso vado a completare l'articolo sull'aggiornamento del VPM e poi metto su Facebook l'avviso che tutto è pronto per essere letto.

      Stay tuned, folks.

      ozio_gallery_nano